POMOS – Polo Per La Mobilità Sostenibile

10 novembre 2015 | Blog
Slide 1
Slide 1
Slide 2
Slide 2
Slide 3
Slide 3
Slide 4
Slide 4

Amici lettori,

se dovessi pensare ad una struttura che ha come Mission la Ricerca e Sviluppo, Progetti di Ricerca, Formazione, Sostegno all’innovazione, Pubblicazioni con Partner d’eccellenza mi verrebbe subito in mente il POMOS.

Il POMOS è una delle strutture più interessanti del nostro patrimonio Tecnologico con sede a Cisterna di Latina, il cui Comune ha gentilmente offerto in comodato d’uso gratuito l’utilizzo degli edifici da adibire alle attività del Polo.

Il POMOS – Polo per la Mobilità Sostenibile di Cisterna di Latina – nasce nell’anno 2008 grazie ad una convenzione tra il Dipartimento di Ingegneria dell’Informazione, Elettronica e Telecomunicazioni – D.I.E.T. – dell’Università degli Studi di Roma “La Sapienza” (ex Dipartimento INFO-COM) e la Regione Lazio – Direzione Ambiente e Cooperazione tra i Popoli.

Il POMOS si pone come centro di competenza e innovazione, che integra l’attività di ricerca con l’azione di punto di contatto e di riferimento per lo sviluppo di processi di innovazione e per il trasferimento tecnologico nel territorio, per le imprese e per enti pubblici e privati, promotore di processi di innovazione e produttore di attività/servizi di sostegno e accompagnamento allo sviluppo dei processi di innovazione.

Al tal fine, sviluppa un insieme integrato di azioni e interventi, sistematizzati in 4 linee strategiche di attività:

  1. Sviluppo logistico e organizzativo, finalizzato a sperimentare e realizzare una struttura in grado di svolgere con efficienza ed efficacia le funzioni di centro di ricerca, innovazione e trasferimento tecnologico per le imprese del territorio.
  2. Ricerca industriale, orientata alle tecnologie per la mobilità sostenibile e, in particolare, alle tecnologie innovative per i veicoli ed efficienza energetica nei sistemi di propulsione e alle tecnologie ICT per la mobilità sostenibile, sistema per la sicurezza, la gestione delle flotte e per la valutazione degli impatti ambientali connessi.
  3. Sviluppo innovativo e trasferimento tecnologico, diretto al potenziamento delle capacità innovative delle imprese, con particolare riferimento alle PMI, e del territorio in generale, come fattore cruciale per il rafforzamento del tessuto produttivo e della competitività.
  4. Animazione, comunicazione, promozione, formazione, rete di cooperazione tra ricerca, impresa, territorio e tra i Poli regionali, mirate al potenziamento del ruolo di agente di diffusione dell’innovazione e del trasferimento tecnologico nel mondo dell’impresa e nel territorio.

 

La struttura è sicuramente un punto di riferimento per tutti gli appassionati di tecnologie verdi.