Sostituzione e smaltimento di un pannello fotovoltaico danneggiato o rotto

8 giugno 2015 | Blog

Cari lettori,pannello-fotovoltaico-danneggiato
oggi ho pensato di affrontare un problema che i proprietari di impianti fotovoltaici possono dover affrontare nell’arco della vita di un pannello: la sostituzione di un modulo danneggiato, rotto o mal funzionante.

Al primo segnale di inefficienza è necessario verificare attraverso l’inverter se si tratta di un’anomalia dell’impianto o di un calo di potenza.

Una volta fatta questa verifica ed accertato che si tratta di un problema tecnico dell’impianto sarà opportuno contattare un’impresa specializzata che dovrà scollegare l’impianto e predisporre tutte le procedure e le dovute protezioni per lavorare in alta quota.

Raggiunto l’impianto fotovoltaico bisogna smontare il modulo da sostituire dopo aver fatto delle foto chiare che facciano capire il posizionamento del modulo e nello specifico quello che verrà sostituito.
Scattate le foto, si potrà dare inizio allo smontaggio del modulo del pannello fotovoltaico rotto o danneggiato, sostituendolo poi con uno nuovo uguale oppure di similari caratteristiche.

Effettuata la sostituzione si può ora ricollegare l’impianto.

Completata la parte operativa è necessario predisporre tutte le documentazioni utili per la pratica amministrativa, ovvero:

Certificato di smaltimento del modulo o dei moduli prodotto da società qualificata ed autorizzata allo smaltimento:
Foto dell’impianto prima e dopo l’installazione del modulo nuovo;
– Foto del retro del modulo danneggiato e nello specifico dell’etichetta dove sono riportati tutti i dati tecnici;
– Foto del retro del modulo nuovo nello specifico dell’etichetta dove sono riportati tutti i dati tecnici;
– Certificazione di conformità dell’installazione del nuovo modulo redatto da parte di azienda autorizzata.

Tutta questa documentazione dovrà quindi essere inviata al GSE, attraverso raccomandata con ricevuta di ritorno, per concludere l’iter amministrativo.

 

Non sostitute parti del Vostro impianto tralasciando di scattare le foto o l’iter amministrativo che vi ho appena descritto in quanto le procedure indicate dal Gse sono rigorose e anche una piccola non conformità potrebbe compromettere il piano di incentivi o il sistema di scambio sul posto.

Naturalmente sono a Vostra disposizione per ogni ulteriore chiarimento e per supportarvi nell’arco di tutto il processo. Contattatemi  al mio indirizzo email info@daniele-rocchi.com.

lascia un commento