Energia fotovoltaica ed eolica: Green Energy contro la crisi

5 Dicembre 2014 | Blog

Cari EcoAmici,
voglio parlarvi di come si sta diffondendo in Italia l’utilizzo di due energie assolutamente pulite e che ad oggi stanno dando un forte contributo contro la crisi finanziaria: il fotovoltaico e l’eolico.

Inizierò a parlarvi dell’energia fotovoltaica. Secondo uno degli ultimi Report 2014 il fotovoltaico in Italia registra oltre 550.000 impianti operativi con una capacità cumulata, a fine 2013, di 17,9 GW.

Stando ai dati sul fotovoltaico, in Italia nell’ultimo anno sono stati connessi alla rete elettrica nuovi impianti per una capacità di 1,45 GW,

di questi, il 21% è dato da impianti che non hanno usufruito degli incentivi sul fotovoltaico.

La crescita registrata nel settore del fotovoltaico italiano è ascrivibile per il 39 per cento al segmento residenziale che risulta caratterizzato da un’ampia quota (intorno al 36 per cento) di impianti non incentivati.

Piuttosto che impiegare gli incentivi sul fotovoltaico del Conto Energia, i privati si accontentano della detrazione fiscale quale strumento di supporto per gli investimenti post-incentivazione.

Il trend di crescita delle taglie residenziali e industriali è lo stesso messo in evidenza già nel 2012.

Il mercato fotovoltaico in Italia vede la diffusione di impianti di piccole e medie dimensioni a guidare le installazioni grazie alle misure di incentivazione “indiretta” come le già citate detrazioni fiscali e lo scambio sul posto, oltre alla maggiore facilità di ricorrere all’auto-consumo.

Gli impianti di taglia grande (con capacità superiore ai 200 kW) sono prerogativa del segmento industriale e vedono una lentissima crescita dovuta al più difficile raggiungimento di alti livelli di auto-consumo in grado di sopperire alla mancanza di ricorrere allo Scambio sul Posto.

Se invece parliamo di Energia Eolica le considerazioni più interessanti da fare rispetto al nostro report di metà 2013 sono:

– Crescita importante di installazioni in soli 6 mesi per un valore di 5.150 kW

– Crescita interessante nel numero di macchine totali 92 macchine (od impianti) circa 15 al mese.

– Interessante crescita delle macchine più piccole e specificatamente 10kW, 20 kW,50kW e 60 kW, dovuta sicuramente alle facilitazioni burocratiche di installazione.

– Leggera crescita delle macchine più grandi 100kW, 200 kW e 250 kW, solo 8 macchine in totale per un valore di 1.350 kW a fronte di un registro 2013 per oltre 58 MW praticamente non sfruttato.

– Stasi delle macchine fra 1 e 6 kW (normalmente destinate alle famiglie) – Mantenimento della classifica per regioni invariata con la Puglia  sempre saldamente al primo posto inseguita dalla Basilicata e dalla Campania ma con interessanti aumenti soprattutto in Sardegna e Calabria ed il raddoppio della potenza installata in Sicilia.

 

A fronte di questi numeri sarà interessante vedere lo sviluppo 2014 soprattutto sul fronte Registro attualmente sottoutilizzato per capire se effettivamente le installazioni andranno a buon fine e come il GSE deciderà di riallocare le risorse economiche e di potenza che eventualmente dovessero rimanere non utilizzate proprio relative al Registro 2013 dopo la scadenza dei 28 mesi indicata nel decreto.

Le manovre dello stato, che hanno tra l’altro riconosciuto le detrazioni fiscali anche per tutto il 2015 e gli incentivi per l’energia eolica, stanno quindi dando ottimi risultati per tutti ma sopratutto per l’ambiente.

Mi sento molto soddisfatto nel considerare queste fonti di energia pulita ottime soluzioni per il presente e per il futuro di noi tutti e sono certe che condividerete con me questo “ottimismo da energie rinnovabili”.

lascia un commento

Chiamami

Chiamami
Prenota un appuntamento telefonico!
x